Eritrea: ecco le prove del complotto della CIA

Asmara – Il Ministero dell’Informazione eritreo ha reso pubblica una serie di documenti che testimoniano le attività condotte dalla CIA, i servizi segreti degli Stati Uniti, in Eritrea per destabilizzare il paese guidato dal presidente Isaias Afewerki (foto, con il presidente etiope Abiy Ahmed). Di seguito pubblichiamo il documento originale divulgato dal governo di Asmara in cui viene ricostruita l’intera vicenda. Ricordiamo che è stato grazie a tali attività che il piccolo Paese del Corno d’Africa è stato sottoposto a sanzioni di vario genere ed è stato costretto all’isolamento. Tutto questo negli anni in cui l’Eritrea era in guerra con l’Etiopia. I documenti qui di sotto riportati, dimostrano per altro che la crisi migratoria in Eritrea è stata creata deliberatamente con la complicità dell’UNHCR e di molte ONG per indebolire e destabilizzare il paese.

 

Il Ministero dell’informazione eritreo rende noti alcuni estratti dell’operazione sovversiva intrapresa contro l’Eritrea da Amnesty International e Human Rights Watch nel 2011. Gli atti sono stati pubblicati sul sito del ministero (www.shabait.com)  come segue.

Oggi, vi presentiamo un resoconto sintetico di:

1. Uno schema sovversivo elaborato dalla US Central Intelligence Agency (CIA) per scatenare disordini e sconvolgimenti in Eritrea per accelerare il “cambio di regime”;

2. 2. Un rapporto confidenziale diffuso dall’Agenzia di intelligence israeliana (MOSSAD) con l’intento maligno di demonizzare il governo eritreo associandolo falsamente a “organizzazioni terroristiche” in Medio Oriente.

Questi schemi stravaganti sono nati nella seconda metà del 2011. Dal punto di vista dello scopo e dell’intento, si sono intrecciati con numerosi altri atti di ostilità perseguiti da vari poteri con molta frenesia in quei tempi.

Come si ricorderà, gli atti di ostilità perpetrati contro l’Eritrea negli ultimi 20 anni, con l’intento di promuovere alcune “strategie globali”, sono stati davvero numerosi. Alcuni di questi atti riprovevoli includono:

– L’evidente atto di aggressione lanciato dal 1998 al 2000 con il pretesto di una disputa di confine;

– I vari sotterfugi hanno ostacolato l’attuazione della decisione arbitrale “definitiva e vincolante” dell’EEBC;

– Accusa infondata nei confronti dell’Eritrea presso l’UNHRC nel 2013 e negli anni successivi;

– Traffico di esseri umani organizzato e migrazione giovanile finalizzata allo “spopolamento strategico” e al declassamento delle capacità di difesa dell’Eritrea; ecc.

Tutti questi atti ostili sono stati frustrati e infine superati attraverso la resilienza e la fermezza del popolo e del governo dell’Eritrea, anche se hanno avuto un costo elevato per il paese. In gran parte, queste ingiustificate ostilità contro l’Eritrea costituiscono episodi imperdonabili e vestigia del passato con poca consonanza con le realtà attuali. Tuttavia, la storia passata è rilevante sia per trarre lezioni appropriate sia per l’interpretazione e l’analisi degli eventi attuali e futuri con maggiore profondità e prospettiva più ampia. Le relazioni sintetiche degli atti ostili della CIA/MOSSAD commessi nel 2011 sono pubblicate oggi in questo contesto, come promemoria di quanto accaduto in passato.

1. 1. Lo schema sovversivo della CIA
Questa relazione, molto sintetica, è tratta dal verbale di una riunione segreta tenuta dagli agenti della CIA a Nairobi, in Kenya, il 4 giugno 2011, e da altre informazioni riservate correlate. L’ordine del giorno della riunione era quello di tracciare un piano per “rovesciare il governo dell’Eritrea” in breve tempo. I partecipanti alla riunione erano:

1. Joey Hood – ex ufficiale politico presso l’Ambasciata d’America in Eritrea e, all’epoca, Top Advisor su Eritrea e Afghanistan presso il Dipartimento di Stato;

2. 2. Mathew A. Bokner – Secondo segretario, Kenya;

3. 3. Lisa Davis – Freedom House, vicedirettore, New York;

4. 4. Jay Zimmerman, coordinatore regionale per i rifugiati, ambasciata degli Stati Uniti in Kenya;

5. 5. Altri tre agenti della CIA che hanno usato gli alias

Estratti:-
– Questi sono tempi critici. Siamo nel bel mezzo di un’operazione organizzata e ben coordinata contro il governo eritreo, proprio come abbiamo fatto in Libia.

– Non sono solo gli Stati Uniti a perseguire con veemenza la politica di cambiamento di regime in Eritrea. I paesi europei che prima erano riluttanti sono ora pienamente coinvolti.

– I paesi europei sono furiosi perché alle ONG che hanno sponsorizzato è stato chiesto di cessare le operazioni e lasciare il paese.

– La nostra aspettativa originaria era di cambiare regime dall’interno attraverso alcuni elementi in collusione con gli Stati Uniti e i suoi alleati. Ma questo non funzionerà; la rivolta popolare è impensabile in Eritrea. Questa situazione non ha alcuna possibilità. Quindi l’unica opzione che abbiamo è usare una potenza esterna che ha una conoscenza approfondita delle capacità militari del regime eritreo. La potenza esterna che soddisfa questi requisiti è il regime del TPLF.

– La relazione completa che il TPLF ci ha presentato sulla struttura, le capacità militari e la natura del regime eritreo si basa su un’analisi fattuale e dà speranza di portare a termine la missione in breve tempo. Erano intenti a lanciare una seconda guerra dopo la guerra del 1998. Si sono astenuti dal farlo perché ci siamo sconsigliati da una mossa affrettata. Ora sono pronti a lanciare una guerra contro l’Eritrea volta al cambiamento di regime. E si sono assicurati il pieno sostegno dell’ONU e dei partner .

– Parallelamente, occorre garantire l’attuazione e l’applicazione delle sanzioni, che finora è rimasta nominale.

– Altri compiti vengono pianificati e coordinati per istigare la rivolta popolare e le turbolenze interne.

– A ciò farà seguito l’intervento di una forza africana di mantenimento della pace in risposta alla richiesta del popolo eritreo.

– Il compito di lavaggio del cervello dei giovani eritrei, soprattutto all’interno del paese, sta procedendo bene. Nella diaspora, coloro che desiderano vedere il cambiamento hanno dato il 100% di sostegno al nostro progetto. Alcuni di questi sono accademici, alcuni dei quali sono uomini d’affari e personalità religiose.

– Pertanto, è stato messo in atto un meccanismo per sottrarre il governo eritreo al potere. Sarà o attraverso la pressione delle sanzioni e l’aumento della popolazione come prima scelta, o attraverso l’intervento militare del governo etiope con la comunità internazionale alle spalle.

– Parallelamente a queste attività, il Pastore che abbiamo reclutato a Nairobi predica per l’unità tra eritrei ed etiopi. Il piano consiste nel reclutare anche altri Pastori. Stiamo sponsorizzando il finanziamento di queste attività attraverso Freedom House.

– Stiamo inoltre lavorando per garantire una gestione speciale dei rifugiati eritrei e facilitare il trattamento dei loro casi. L’UNHCR è stato istruito di conseguenza. Sono stati completati tutti i preparativi necessari per dare asilo, per la seconda volta, alla squadra nazionale eritrea di calcio di Nairobi.

– L’ambasciatore Claude Heller, presidente del gruppo di monitoraggio dell’Eritrea in Somalia e che ha visitato l’Eritrea nell’aprile 2010, sta lavorando per incriminare il governo eritreo presso la CPI.

– (L’elenco completo dei quislings eritrei e di persone e organizzazioni straniere assunte per questo schema sovversivo è riportato nei documenti. Ciò è stato omesso nella presente relazione per ovvie ragioni.)

========

2. Circolare diffamatoria di MOSSAD
All’incirca nello stesso periodo in cui la CIA è stata coinvolta nella definizione di un programma sovversivo di cambiamento di regime in Eritrea, MOSSAD ha diffuso un rapporto riservato intitolato: “Il coinvolgimento dell’Eritrea nel contrabbando di armi nella Striscia di Gaza”.
Contenuto principale delle accuse

– Secondo le nostre informazioni, alcune delle armi contrabbandate nella Striscia di Gaza provengono dall’Eritrea. Si tratta di eccedenze dell’esercito eritreo, e quindi provenienti dai suoi canali di approvvigionamento e costruzione. Le armi arrivano in Sudan attraverso la zona di confine tra i paesi.

– Valutiamo che i legami con l’addetto militare dell’ambasciata iraniana ad Asmara vengono sfruttati per promuovere gli interessi iraniani nella regione, compreso il trasferimento di armi iraniane di qualità in Eritrea, e da lì al Sudan e alle organizzazioni palestinesi nella Striscia di Gaza. (Nota: l’Iran non ha mai avuto un’ambasciata in Eritrea).

– I contrabbandieri sudanesi di armi con collegamenti con le infrastrutture di contrabbandieri della regione sono in contatto con i contrabbandieri di armi sul lato eritreo del confine. La forza di questi legami deriva da motivazioni finanziarie comuni e da legami tribali.

– La zona di confine tra i due paesi, in particolare la zona delle città di Kasssala in Sudan e Tesseney in Eritrea, è un centro per i contrabbandieri, la maggior parte dei quali appartengono alla tribù dei Rashaida.

– Secondo informazioni corroborate ma non aggiornate, una società eritrea promuove il contrabbando di armi dall’Eritrea. Nel 2008-2009 sono pervenute numerose segnalazioni che collegano questa società al contrabbando di armi.

– Sappiamo anche che i rappresentanti della tribù dei Rashaida, che operano in Eritrea, hanno stabilito legami diretti con organizzazioni palestinesi nella Striscia di Gaza e soprattutto con elementi di Hamas.

(La Confidential Circular contiene nomi e altri particolari di funzionari del governo eritreo e sudanese che accusa falsamente di essere coinvolti in questa operazione).

Ministero dell’Informazione
Asmara
1o novembre 2019